X Questo sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookies tecnici di terze parti per l'analisi aggregata del traffico allo scopo di ottimizzarne navigazione e contenuti.
Per maggiori informazioni, consulta la privacy policy del sito.

+39 0872 49877

Settore Analisi

 

Osteoporosi

L’osteoporosi è una malattia sistemica dello scheletro caratterizzata da una ridotta massa ossea e
da alterazioni qualitative della macro e micro-architettura, che si accompagnano ad aumento del rischio di frattura.

Vengono definite primarie le forme di osteoporosi che compaiono dopo la menopausa (postmenopausale) o comunque con l’avanzare dell’età (senile).

L’osteoporosi secondaria è invece legata a:
· Malattie endocrine: Ipogonadismo, ipercortisolismo, iperparatiroidismo primitivo, iperprolattinemia, tireotossicosi, acromegalia
· Malattie ematologiche: Mieloma multiplo, malattie mielo e linfoproliferative croniche
· Malattie apparato gastro-enterico: Celiachia ed altre patologie con malassorbimento intestinale, malattie infiammatorie croniche intestinali, intolleranza al lattosio
· Malattie reumatologiche: Artrite reumatoide, LES, sclerodermia, osteoartrite
· Altre patologie: BPCO, emocromatosi, cachessia, etilismo cronico
· Malattie renali: acidosi renale tubulare, insufficienza renale cronica, ipercalciuria idiopatica
· Farmaci: Glucocorticoidi, metotrexate.

Gli esami laboratoristici di routine consigliati nell’inquadramento clinico dell’osteoporosi vengono distinti in due livelli:
 
I LIVELLO
– VES
– Emocromo completo
– Protidemia con elettroforesi
– Calcemia
– Fosforemia
– Fosfatasi alcalina totale
– Creatininemia
– Calciuria 24h
 
 II LIVELLO
– Calcio ionizzato
– TSH
– Paratormone sierico
– 25-OH-vitamina D sierica
– Cortisoluria 24 ore
– Testosterone libero nei maschi
– Immunofissazione sierica e/o urinaria
– Anticorpi anti-transglutaminasi
– Esami specifici per patologie associate, ad es.: ferritina, fattore reumatoide, ecc.
La normalità dei semplici esami bioumorali di I° livello esclude nel 90% dei casi altre malattie o forme di osteoporosi secondarie. Solo per sospetti clinici mirati bisogna procedere con indagini di laboratorio di II° livello più specifiche.
 
Fonte:
1) RUOLO DELLA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NEL PAZIENTE CON OSTEOPOROSI Manuela Caizzi (1); Giorgio Paladini (2)

1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste2. S.C. Ematologia Clinica, Dipartimento Oncologia e Dipartimento di Medicina di Laboratorio; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste
2) LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE DELL’OSTEOPOROSI del Ministero della Salute

Torna Su
Torna All'Elenco

CONTATTACI

 
INVIA MESSAGGIO