X Questo sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookies tecnici di terze parti per l'analisi aggregata del traffico allo scopo di ottimizzarne navigazione e contenuti.
Per maggiori informazioni, consulta la privacy policy del sito.

+39 0872 49877

Esami Clinici

Torna Indietro
 
TRANFERRINA
È la proteina che trasporta il ferro all’interno dell'organismo, dal luogo in cui è assorbito (intestino) a quelli che lo utilizzano (soprattutto il midollo osseo, in cui sono prodotti i globuli rossi) o agli organi in cui il ferro in eccesso viene immagazzinato (particolarmente il fegato). In caso di necessità, gli organi in cui il ferro è depositato lo cedono alla transferrina, che lo trasporta ai vari tessuti dell’organismo. Ogni molecola di transferrina può legare al massimo due atomi di ferro e la misurazione della “saturazione della transferrina” (cioè il quantitativo di ferro che essa può legare) è un esame molto importante per stabilire lo stato del ferro di un individuo. Infatti, se tale indice è inferiore al 18% si ha uno stato ferro-carenziale, mentre se è superiore al 50% si è di fronte ad un sovraccarico di ferro. Il valore della transferrina aumenta durante la gravidanza, in caso di anemie sideropeniche (dovute, cioè, a carenza di ferro), di siderocromatosi ed in seguito alla somministrazione regolare di anticoncezionali. Diminuisce, invece, nei neonati, negli anziani, in caso di malattie renali, di insufficienza renale cronica mancanza di transferrina e di ipoprotidemia (diminuzione della quantità delle proteine del sangue). L'esame si effettua mediante un prelievo di sangue, preferibilmente a digiuno da almeno 8 ore.
Campione: sangue

CONTATTACI

 
INVIA MESSAGGIO